Conservazione Digitale

Centro di Eccellenza Italiano sulla Conservazione Digitale

CCSDS 651.1-B-1:2014- Producer-Archive Interface Specification (PAIS)

Questo standard è stato recentemente pubblicato da The Consultative Committee for Space Data Systems (CCSDS), con l’obiettivo di fornire una metodologia standard per definire gli oggetti digitali che devono essere trasferiti tra Produttore ed Archivio, e per confezionare efficacemente questi oggetti nella forma di Submission Information Packages (SIP), come previsto dal Reference Model for an Open Archival Information System (OAIS). Tutto ciò al fine di realizzare in modo efficace il trasferimento la validazione dei SIP. Questo standard si colloca consequenzialmente nella linea tracciata dallo standard astratto PAIMAS, precedentemente pubblicato dal CCSDS, il quale non fornisce direttamente le specifiche, ma piuttosto il contesto e la modalità con cui esse devono essere sviluppate.

Lo standard si muove nel contesto definito da:

In particolare, lo standard PAIMAS definisce una metodologia in quattro fasi: Preliminare, Definizione formale, Trasferimento e Validazione. Questo standard si applica specificamente alla realizzazione della parte principale della fase di Definizione Formale e alla fase di Trasferimento, prendendo in esame solo in parte la fase di Trasferimento. L’obiettivo è quello di fornire supporto nell’automazione e nella gestione delle fasi di Trasferimento e Validazione.

Lo standard si rivolge a tutti coloro, organizzazioni o singoli individui, che creano informazioni che possono necessitare di una conservazione di lungo termine, nonché a quelle organizzazioni che tale servizio di conservazione dovranno fornire.

Come tutte le specifiche di CCSDS, queste raccomandazioni sono molto ben scritte e molto bene organizzate, e coem sempre liberamente accessibili sul suo sito istituzionale:

CCSDS 651.1-B-1:2014- Producer-Archive Interface Specification (PAIS)

Conservazione Digitale © 2014