Conservazione Digitale

Centro di Eccellenza Italiano sulla Conservazione Digitale

CCSDS 651.0-M-1:2004 – Producer-Archive Interface Methodology Abstract Standard (PAIMAS)

Scopo di questa raccomandazione, pubblicata nel 2004 da The Consultative Committee for Space Data Systems (CCSDS), è di definire e dare una struttura alle relazioni ed alle intonazioni tra il Produttore di informazione e l’Archivio. La raccomandazione definisce una metodologia per strutturare le azioni ceh dovranno essere prese, dall’istante del primo contatto tra Produttore e Archivio fino alla sottomissione delle risorse digitali che saranno ricevute e validate dall’Archivio. Nella cornice del Open Archival Information System (OAIS) Reference Model, queste azioni coprono la prima fase del processo di Ingest.

La raccomandazione raggiunge i seguenti risultati:

  • identifica le diverse fasi nel processo di trasferimento di informazione tra Produttore e Archivio;
  • definisce l’obiettivo di ciascuna di queste fasi, le azioni che devono essere portate avanti durante la fase ed i risultati attesi al termine della fase (a livello amministrativo, tecnico e contrattuale);
  • costituisce un quadro metodologico che dovrebbe essere possibile applicare e riusare nei processi relativi all’interfaccia tra il Produttore e l’Archivio OAIS;
  • costituisce una base per l’identificazione e/o lo sviluppo di standard e di guide operative nella comunità in questione;
  • costituisce una base per l’identificazione e/o lo sviluppo di strumenti software che possano assister lo sviluppo, l’attuazione e il controllo delle diverse fasi nel processo di trasferimento di informazione tra Produttore e Archivio.

In particolare la metodologia contempla quattro fasi:

  • Fase preliminare. Scopo di questa fase è identificare l’informazione primaria che l’archivio deve conservare; di stabilire una definizione preliminare dei differenti Data Objects che saranno trasmessi dal Produttore all’Archivio; di analizzare gli aspetti di fattibilità, sia dal punto di vista del Produttore ceh dell’Archivio.
  • Fase di definizione formale.  Scopo di questa fase è di negoziare un Submission Agreement, che definisca in modo preciso e completo:
    • i dati che dovranno essere consegnati dal Produttore all’Archivo;
    • gli aspetti legali e contrattuali;
    • gli elementi accessori necessari a definire il processo di trasferimento e validazione;
    • la sequenza temporale delle azioni.
  • Fase di trasferimento. Scopo di questa fase è definire le modalità con cui avviene il trasferimento effettivo dei Data Object tra Produttore e Archivio. Prevede che questo sia organizzato in sessioni, e che durante ciascuna di queste possano essere trasferiti più SIP, ciascuno composto da uno o più Data Object.
  • Fase di validazione. Scopo di questa fase è di condurre la validazione degli oggetti che sono stati consegnati, di gestire le anomalie eventualmente riscontrate e di accettare tutti gli oggetti correttamente trasferiti.

Come si è detto sopra, e come è evidente dalla denominazione stessa di Abstract Standard, non si tratta di uno standard nel senso comune del termine, nel senso che non fornisce indicazioni puntuali e operative, ma piuttosto delinea il quadro nel quale muoversi per sviluppare tali indicazioni, e mette in evidenza tutti gli aspetti che devono essere considerarti, cosa che fa in maniera precisa, dettagliata e lucida.

Si tratta quindi di un documento di grandissimo rilievo, la cui lettura è sicuramente consigliata a chiunque debba organizzare il processo di trasferimento delle risorse digitali ai depositi di conservazione.

Nel solco tracciato da questo standard astratto si inserisce lo standard CCSDS 651.1-B-1:2014- Producer-Archive Interface Specification (PAIS), pubblicato a dieci anni di distanza, che dà realizzazione a questi principi, mettendo in atto la loro realizzazione.

Come tutte le specifiche di CCSDS, queste raccomandazioni sono molto ben scritte e molto bene organizzate, e coem sempre liberamente accessibili sul suo sito istituzionale:

CCSDS 651.0-M-1:2004 – Producer-Archive Interface Methodology Abstract Standard

Conservazione Digitale © 2014